Michael Jackson : il mio fratellino

Andare in basso

Michael Jackson : il mio fratellino

Messaggio Da szwaby82 il Sab Nov 05, 2011 6:37 pm

Michael Jackson, my little brother




Michael had this ritual every time we said goodbye," recalls Tito Jackson, from beneath his trademark bowler hat. "All of us brothers would hug and tell each other we loved each other, but Michael's favourite thing was to say, 'I love you more' and that night was no different."

The night in question, at a restaurant in the Jackson family's adopted city of Los Angeles, was the 60th wedding anniversary of Joseph Jackson and his wife, Katherine. "The entire family was there," says Tito. "We just talked and took pictures and shared ideas and caught up with what we'd all been doing. It was a very happy night. Michael was full of life and full of spirit, and he was just getting ready to start enjoying his life again.

"He was going to buy another place, as he was sick of Neverland. He wanted to start doing movies and just take it easy and be with his children."

The following month, on 25 June 2009, Michael Jackson had a heart attack in bed at his mansion in LA. After his death, an autopsy ruled that the sedative Lorazepam and the powerful anaesthetic Propofol found in the 50-year-old performer's blood were primarily responsible for Jackson's premature death. On 8 February 2010, his doctor Conrad Murray was charged with involuntary manslaughter.

At the time of writing, the resulting trial was nearing its conclusion, but whatever the outcome, the process hasn't produced emotional closure for Jackson's relatives.

"I don't think there will ever be closure for our family," admits Tito, who is in London this week for the world premiere of a documentary on Jackson, The Life of an Icon. It has been produced by David Gest, concert promoter and longstanding friend of the Jackson family.

"I'm not a doctor but whether he knew better or Michael knew better he shouldn't have been doing that. He's a doctor. He's in charge. He's taken an oath and at that time he should have been doing what he needed to do to get my brother straight, not contributing to the situation.

"The world has lost a great man, but for our family it has nothing to do with music. To lose your brother, someone that you've known all your life and loved all your life and to know what happened to him …" Tito trails off.

Regardless of his legal culpability, for Tito at least, Conrad Murray represents a type of person who began to contaminate his brother's life as his popularity peaked in 1982 with the release of the album Thriller.

"I thought he would be able to handle it," says Tito, of the pernicious celebrity that accompanied Michael's success. "And to start with he did handle it very well, but he was put in a position that no one's been put in, and the problems came when a whole lot of other people got involved more and his family got involved less. That's when the trouble started."

The film suggests that the second-degree burns Michael suffered to his scalp on the set of a Pepsi commercial on 27 January 1984, when faulty pyrotechnics accidentally set his hair alight, were pivotal in his physical and psychological deterioration.

The incident, and resulting rhinoplasty, triggered a spiralling addiction to painkillers and plastic surgery.

By the time 13-year-old Jordan Chandler went public with accusations of sexual abuse – eventually settled out of court – against Jackson in 1993, stories of sleeping in an oxygen chamber, adopting chimpanzee companions and wild financial excesses had already corroded his reputation. Despite his acquittal from further child sex abuse charges in 2005, Jackson never regained the effervescent verve that had propelled him to such stratospheric musical heights in the late 70s and early 80s.

"All of that had something to do with where he was with his career, his life, the whole thing," agrees Tito.

"Divide and conquer," he continues, "that's what happened to Michael. Purely in the interests of financial greed, people in the business – and we're talking lawyers, managers, all kinds of people – wanted to divide him from his brothers.

"Michael's problem, just like his mother, is that he trusted people too much. He really did. He trusted too much and was taken advantage of.

"We tried to reach him but the people round him made it very difficult. When he got into trouble a few times they all ran – and when he was exonerated they all came back."

Tito's exasperation is palpable and his measured baritone bristles: "Am I still angry about it? I'm fucking furious. It makes me feel like shit how people wanted to use him. As a family we did try to help him but although Michael knew who these people were, and tried to keep them at arm's length, he didn't see everything because he was too close to it. I could see that these people were there for the wrong reasons, but I couldn't run Michael's life for him. But if I'd known then how tragically this journey would end, I wouldn't have taken it.

"I'd give it all up to have my brother here with me now. I'd do anything to have my brother with me."

One of nine Jackson children, Tito was born five years before Michael on 15 October 1953 and remembers his brother as a child: "He was always different. He was the little one that always used to suck his finger. He sucked it so much I thought he was going to have buck teeth, but his personality was different too. He was like a grown man in a little man's body. My brothers and I, we'd go to a city and were more interested in seeing the stadium where the New York Giants played – Michael would want to meet the politicians or see the local history. He was always a heavy reader and always interested in other countries' cultures."

As the family's musical talent blossomed, marshalled militarily by their steel-worker father, Joseph, so did the brothers' more playful side. "We laughed to keep our sanity and Marlon and Michael, my two little diddy brothers, when they were nine or 10, used to love to go to New York and fill balloons with water then drop them on people from above. We were just normal boys having fun."

Normality for the Jackson brothers who were to become the all-conquering Jackson 5 – Jackie, Tito, Jermaine, Marlon and Michael – entailed four hours of after-school rehearsals, a 90-minute round trip to an evening gig, homework, then eventually bed between 2am and 4am.

The schedule was relentless and in 1993, speaking to Oprah Winfrey, Michael admitted that he was physically and emotionally abused by his father during rehearsals and that he would often vomit at the sight of his father.

The public picture of Joseph as a bullying tyrant is not one Tito accepts. "To pull off what he pulled off, how he pulled it off, where he comes from, where his family was born from, I think my father is one of the greatest men that ever lived."

Tito strongly denies accusations that Joseph's authoritarian regime contributed to Michael's emotional acquiescence and eventual retreat from conventional adult life. "I'm pretty sure that everybody at some time in their life has a few words with their pop, but the difference between the Jackson family and other families is that it gets written about. The relationship we've got with our father is not different at all."

After Michael's death, his mother Katherine, now 81, became the legal guardian of his son Prince, 14, and daughter Paris, 13, from his second marriage to former nurse Debbie Rowe, and nine-year-old Blanket, conceived via artificial insemination by a still anonymous surrogate mother.

"My mother is still a very strong lady," says Tito, "so they're in good hands. If you've been watching the court case you can see she's got her wits about her. We're there every day, and they have a lot of cousins the same age to hang out with so it helps them to know their family is around them."

Inevitably, Michael's death has also brought the rest of the family closer together. "We've always been tight but we're tighter than ever now. We're closer than people could ever imagine, but the hole that Michael has left will never be filled.

"Everyone has their perception of who my brother was and he was just a person that loved life, loved seeing people happy and loved making a difference through his music. It's not for me to say how much of a difference he made, but I don't think I could have asked for a better brother."



Michael Jackson era una superstar mondiale - il re del pop. Ma è stato il suo grande successo, dice il fratello Tito, che ha permesso ad estranei di spingere da parte la sua famiglia - ed è stato qui che sono cominciati davvero i suoi problemi.


Michael Jackson:il mio fratellino


"Michael aveva questo rituale ogni volta che ci salutavamo", ricorda Tito Jackson , da sotto il suo tipico cappello a bombetta. "Tutti noi fratelli ci abbracciavamo e ci dicevamo l'un l'altro che ci amavamo, ma la cosa preferita di Michael era di dire 'ti amo di più' e quella sera non è stato diverso".

La sera in questione, in un ristorante nella città di adozione della famiglia Jackson, Los Angeles, era il 60° anniversario di matrimonio di Joseph Jackson e sua moglie Katherine. "L'intera famiglia era lì", dice Tito. "Abbiamo parlato e scattato foto e condiviso idee e ci siamo rimessi in pari con quello che stavamo facendo. E' stata una serata molto felice. Michael era pieno di vita e pieno di spirito, ed era quasi pronto ad iniziare a godersi la sua vita di nuovo. Stava per comprare un'altra casa dove stare, dato che non ne voleva più sapere di Neverland. Voleva iniziare a fare film e prendersela con comodo e stare con i suoi figli."

Il mese successivo, il 25 giugno 2009, Michael Jackson ha avuto un attacco di cuore nel letto nella sua villa a Los Angeles. Dopo la sua morte, l'autopsia ha stabilito che il sedativo Lorazepam e il potente anestetico Propofol trovato nel sangue del cinquantenne performer erano i principali responsabili per la morte prematura di Jackson. L'8 febbraio 2010, il suo medico Conrad Murray è stato accusato di omicidio colposo.

Nel momento in cui scriviamo questo articolo il processo conseguente si sta avvicinando alla sua conclusione, ma qualunque sia l'esito, il processo non ha generato la chiusura emotiva per i familiari di Jackson.

"Non credo avverrà mai per la nostra famiglia", ammette Tito, che è a Londra questa settimana per la prima mondiale di un documentario su Jackson, "The Life of an Icon". E' stato prodotto da David Gest, promoter di concerti e amico di lunga data della famiglia Jackson.

"Io non sono un medico, ma se lui ne avesse saputo di più o Michael ne avesse saputo di più, non avrebbe dovuto farlo. E' un medico. E' sua responsabilità. Ha fatto un giuramento e in quel momento avrebbe dovuto fare quello che doveva per farlo capire a mio fratello, non contribure alla situazione.

"Il mondo ha perso un grande uomo, ma per la nostra famiglia non ha nulla a che fare con la musica. Perdere tuo fratello, qualcuno che hai conosciuto e amato per tutta la vita e sapere cosa gli è successo..." la voce di Tito si affievolisce.

Indipendentemente dalla sua colpevolezza legale, almeno per Tito, Conrad Murray rappresenta un tipo di persona che ha cominciato a contaminare la vita di suo fratello quando la sua popolarità ha raggiunto il picco nel 1982 con l'uscita dell'album Thriller.

"Ho pensato che sarebbe stato in grado di gestirla", dice Tito della celebrità perniciosa che ha accompagnato il successo di Michael. "E all'inizio l'ha gestita molto bene, ma è stato messo in una posizione in cui nessuno era stato messo prima, e i problemi sono arrivati quando un sacco di altre persone sono state coinvolte di più e la sua famiglia è stata coinvolta di meno. Qui sono iniziati i guai".

Il film suggerisce che le ustioni di secondo grado sul cuoio capelluto, conseguenza dell'incidente che Michael ha avuto sul set di uno spot della Pepsi il 27 Gennaio 1984 quando un fuoco artificiale difettoso accidentalmente gli ha incendiato i capelli, sono stati fondamentali nel suo deterioramento fisico e psicologico.

L'incidente e la conseguente chirurgia plastica hanno innescato una spirale di dipendenza da antidolorifici e chirurgia plastica.

Con il tempo le accuse pubbliche di abusi sessuali del tredicenne Jordan Chandler - alla fine oggetto di un accordo stragiudiziale - contro Jackson nel 1993, le storie sul dormire in una camera iperbarica, lo scimpanzé come accompagnatore e gli eccessi finanziari avevano già corroso la sua reputazione. Nonostante la sua assoluzione dalle ulteriori accuse di abusi sessuali su minori nel 2005, Jackson non ha mai riacquistato la verve effervescente che lo aveva spinto a tali altezze musicali stratosferiche fra la fine degli anni '70 e i primi anni '80.

"Tutto questo ha qualcosa a che fare con il punto in cui era con la sua carriera, la sua vita, tutto", concorda Tito. "Dividi et impera", continua, "è quello che è successo a Michael. Nel solo interesse dell'avidità finanziaria, le persone nel business - e stiamo parlando di avvocati, manager, persone di ogni genere - hanno voluto dividerlo dai suoi fratelli. Il problema di Michael, proprio come sua madre, è che si fidava davvero troppo della gente. Si è fidato troppo ed è stato sfruttato. Abbiamo cercato di stargli vicino, ma le persone intorno a lui lo hanno reso molto difficile. Quando era nei guai sono scappati tutti - e quando è stato assolto sono tornati tutti".

L'sasperazione di Tito è palpabile e si percepisce nel suo baritono misurato: "Sono ancora arrabbiato per questo? Sono fottutamente furioso. Mi fa sentire di merda come le persone volevano usarlo. Come famiglia cercavamo di cercato di aiutarlo, ma anche se Michael sapeva chi erano queste persone, e cercava di tenerle a distanza, non vedeva tutto perché erano troppo vicini. Potevo vedere che queste persone erano lì per le ragioni sbagliate, ma non potevo gestire la vita di Michael per lui. Ma se allora avessi saputo come sarebbe finito tragicamente questo viaggio, avrei agito.

"Darei tutto per avere mio fratello qui con me adesso. Farei qualsiasi cosa per avere mio fratello con me".

Uno dei nove figli Jackson, Tito è nato cinque anni prima di Michael, il 15 ottobre 1953 e ricorda il fratello da bambino: "E' sempre stato diverso. Era quello piccolo che si succhiava sempre il dito. Lo ha succhiato così tanto che pensavo gli sarebbero venuti i denti da coniglio, ma anche la sua personalità era diversa. Era come un uomo adulto nel corpo di un piccolo uomo. I miei fratelli ed io andavamo in una città e noi eravamo più interessati a vedere lo stadio dove i Giants di New York giocavano, invece Michael voleva incontrare i politici o vedere la storia locale. E'sempre stato un grande lettore ed è sempre stato interessato alle culture di altri paesi.

Quando il talento musicale della famiglia è sbocciato, con i fratelli schierati militarmente dal loro padre Joseph che lavorava in un'acciaieria, è uscito fuori il loro lato più giocoso. "Ridevamo per mantenere il nostro equilibrio e Marlon e Michael, i miei due fratellini, quando avevano 9 o 10 anni amavano andare a New York e riempire palloncini d'acqua per poi tirarli dall'altro sulle persone. Eravamo solo normali ragazzi che si divertivano".

La normalità per i fratelli Jackson che dovevano diventare i conquista tutto Jackson 5 - Jackie, Tito, Jermaine, Marlon e Michael - comportava quattro ore di prove dopo la scuola, un viaggio di 90 minuti andata e ritorno per un concerto serale, compiti a casa, poi alla fine a letto alle 02:00 o alle 04:00.

Il programma era implacabile e nel 1993, parlando a Oprah Winfrey, Michael ha ammesso che era stato fisicamente ed emotivamente maltrattato dal padre durante le prove e che spesso vomitava alla vista del padre.

L'immagine pubblica di Joseph come un tiranno prepotente non è accettata da Tito. "Per tirare fuori quello che ha tirato fuori, come lo ha tirato fuori, da dove viene, dove la sua famiglia è nata, penso che mio padre sia uno dei più grandi uomini che abbia mai vissuto."

Tito nega con forza le accuse che il regime autoritario di Giuseppe abbia contribuito alla acquiescenza emotiva di Michael e al ritiro finale dalla vita adulta convenzionale. "Sono abbastanza sicuro che tutti in qualche momento della loro vita abbiano avuto un paio di scambi con il loro padre, ma la differenza tra la famiglia Jackson e altre famiglie è che su di noi veniva scritto. Il rapporto che avevamo con nostro padre non è diverso".

Dopo la morte di Michael, la madre Katherine, ora 81enne, è diventata il tutore legale di suo figlio Prince, 14 anni, e della figlia Paris, 13, avuti dal suo secondo matrimonio con l'ex infermiera Debbie Rowe, e di Blanket, nove anni, concepito attraverso l'inseminazione artificiale da una madre surrogata ancora anonima.

"Mia madre è ancora una donna molto forte", dice Tito, "quindi sono in buone mani. Se stai guardando il caso giudiziario puoi vedere che conserva la sua presenza di spirito. Noi siamo lì tutti i giorni, e hanno un sacco di cugini della stessa età e questo li aiuta a capire che la loro famiglia è vicina a loro".

Inevitabilmente, la morte di Michael ha portato anche il resto della famiglia ad essere più vicini. "Siamo sempre stati legati, ma lo siamo più che mai ora. Siamo più vicini di quanto si possa immaginare, ma il vuoto che Michael ha lasciato non potrà mai essere colmato. Ognuno ha la sua percezione di ciò che era mio fratello e lui era una persona che amava la vita, amava vedere la gente felice e amava fare la differenza attraverso la sua musica. Non sta a me dire quanta differenza abbia fatto, ma io non penso che avrei potuto chiedere un fratello migliore ".

www.guardian.co.uk/lifeandstyle/2011/nov/05/michael-jackson-brother-tit...
avatar
szwaby82

Messaggi : 4159
Data d'iscrizione : 10.10.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum