Maserau spiega il perche Franck Cascio non ha testimoniato al processo del 2005

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Maserau spiega il perche Franck Cascio non ha testimoniato al processo del 2005

Messaggio Da szwaby82 il Mer Dic 07, 2011 7:52 pm

Thomas Mesereau explaining Frank Cascio (@fdcascio) testifying at 2005 trial


First of all this was a very complex, confusing, terrifying situation. What Sneddon did , the DA who was after Michael as everyone knows, What he did was he brought these conspiracy charges for many different reasons. One of them was to terrify away witnesses that can help Michael Jackson.

And what he did was and it was very strange, he had the grand jury indict Michael on various counts the first one being conspiracy. But the only one in the alleged conspiracy charged was Michael. He called everyone else an unindicted co-conspirator which is a give away right away that he had a nefarious purpose for bringing a conspiracy charge.

So Michael was charged with conspiracy. Remember a conspiracy is an agreement among various individuals to commit a crime. the agreement can be in writing or it can be not in writing. It can also be an understanding. But nevertheless conspiracy involves more than one person and it requires a form of agreement to commit a crime. But the only one charged was Michael Jackson. So that ought to tell you something right there something is wrong.

Everyone else was called an unidicted co-conspirator. Frank Cascio, Vinnie Amen, Dieter, Konitzer, Marc Shaffel. What I think he did was he wanted to scare the daylights away from these potential witnesses for Michael Jackson because they were there when Arvizo's was around. And to do that he sort of hang the possibility of charging them over their heads, he forced them all to get lawyers and he terrified them. Let's face it.

As I said in other discussions there were other technical reasons he brought that charge. It would allow the Arvizo's to testify about Cascio, Shaffer, Amen, Dieter and Konitzer and at the same time scare them away so Michael couldn't bring them in to contradict or refute what Arvizo's said. It was very very sinister in my opinion.

So Frank Cascio and the rest all got lawyers, you would expect them to. They were looking at the possibility of felony charges of conspiracy and years in prison. We were sort of preparing our defense and trying to figure out who everyone was and what they can contribute to our defense and what they had to say and what they said to other people, have they talked to Sneddon and company. You know this is what criminal defense is. This was a huge case, everything was magnified a million times.

So Frank Cascio got a lawyer and I did not want Michael talking to him or him talking to Michael because this would open up the door to types of examination by the DAs in the trial. Although I believe they were talking anyway because they were friends for many years.

And Cascio's lawyer Joe Tacopina from NY started calling me and asking me what was going on and what I thought. I would tell him what I could and I would ask him what Frank was up to. My impression was Frank was listening to his lawyer. His lawyer was going very carefully, very professionally, very delicately through the evidence and trying to find out how to protect his client. That was what his job was. So his lawyer wasn't right away saying "he'll do whatever you want", he was being careful about it and I think Frank was listening to his lawyer. I don't know what he said to Michael or what Michael said to him. I know his family members were talking to Michael , I wasn't privy to those conversations. You know they are all very close friends.

At some point a perception that Frank was not being cooperative had developed. I'm not so sure why it might have developed. It might have been just his lawyer being cautious and careful. But I can say this in the end he was willing to testify. His lawyer told me he was willing to testify , he had a lot of conversations. What I think happened was he was scared, he was listening to his lawyer , his lawyer was being cautious that may have been construed as him not being cooperative but I will say this in the end he was willing to come in and testify. That's what I think really happened with Frank Cascio.

Now you know I can't blame him for being terrified. He does say in his book that I have to point out that Sneddon offered him immunity from prosecution. What that meant was if he came forward and cooperated with Sneddon and the DA's office he could not be prosecuted. He also had to be willing to testify against Michael and he refused it. Even though that would have been a very safe way to go to make sure that you aren't charged. You gotta give him credit for that. Gotta give him credit for that, gotta understand how terrified they were about being charged with felony conspiracy going to prison. You gotta appreciate he was listening to his lawyer who was going on cautiously and carefully to figure out how to best protect his client. So I don't think anyone should blame Frank. Really don't.

Now other people weren't as terrified as he was. For example Chris Tucker and Maculay Culkin were not unidicted co-conspirators. They were never facing charges. So they came right out and told their lawyers and agents and managers and advisers "we are testifying for Michael whenever he needs us. You know there's no doubt about it". And they did that. I sat with Maculay Culkin and his entertainment lawyer and his entertainment lawyer was scared to death. Where as Maculay was cool as can be said "when Michael needs me I am there". I met with Chris Tucker and his lawyer at his lawyers home and his attitude was exactly the same "When Michael wants me I don't care what I'm doing I'm there". But they weren't also facing the possibility of a conspiracy charge. So I'm not hard on Frank, I understand the whole situation, in the end he was willing to testify.

And as he correctly said in his book , and I read it and I enjoyed the book, I decided that I didn't need to call him. I wanted to get this case to the jury , I actually shortened our witness list, we initially expected the trial to last a few more months. But I wanted this to get to the jury, I thought we really rocked their world so to speak and I thought this case was ready for an acquittal. That's what happened fortunately.



Maserau spiega il perche Franck Cascio non ha testimoniato al processo del 2005


Prima di tutto questa era una questione molto complessa, confusa, spaventosa. Quello che ha fatto Sneddon, il procuratore distrettuale che ce l'aveva con Michael come tutti sanno, quello che ha fatto sono state queste accuse di complotto per molte ragioni diverse. Una di queste era terrorizzare i testimoni che potevano aiutare Michael Jackson.

E quello che ha fatto è stato molto strano, il gran giurì aveva incriminato Michael per diversi capi di imputazione, il primo primo era il complotto. Ma l'unico accusato del presunto complotto era Michael. Lui ha definito tutti gli altri co-cospiratori non incriminati, il che vuol dire rivelare subito che l'incriminazione di complotto aveva uno scopo nefasto.

Così Michael è stato accusato di complotto. Ricordate che un complotto è un accordo tra vari individui per commettere un crimine. L'accordo può essere in forma scritta o può non essere in forma scritta. Può anche essere un'intesa. Ma comunque il complotto coinvolge più di una persona e richiede una forma di accordo per commettere un crimine. Ma l'unico addebito è stato fatto a Michael Jackson. Così questo dovrebbe dirvi che qui c'è qualcosa che non va.

Tutti gli altri erano definiti co-cospiratori non incriminati. Frank Cascio, Vinnie Amen, Dieter, Konitzer, Marc Shaffel. Quello che penso è che voleva spaventare a morte questi potenziali testimoni per Michael Jackson, perché erano lì quando c'erano gli Arvizo. E lasciando questa spada di Damocle che avrebbe potuto incriminarli sopra le loro teste, ha costretto tutti a prendersi degli avvocati e li ha terrorizzati. Ammettiamolo.

Come ho detto in altre discussioni c'erano altri motivi tecnici per cui ha fatto queste accuse. Ciò avrebbe consentito agli Arvizo di testimoniare su Cascio, Shaffer, Amen, Dieter e Konitzer e al tempo stesso spaventare questi ultimi in modo che Michael non avrebbe potuto chiamarli a contraddire o confutare quello che avrebbero detto gli Arvizo. Era molto molto sinistro, a mio parere.

Così Frank Cascio e gli altri hanno preso degli avvocati, come era da aspettarsi. C'era la possibilità che fossero accusati del crimine di complotto e che rischiassero anni di carcere. Stavamo preparando la nostra difesa e cercando di capire chi fossero tutti e a cosa potessero contribuire per la nostra difesa e quello che avevano da dire e che cosa avevano detto ad altre persone, se avessero parlato con Sneddon e compagnia. Sapete, questo è ciò che è la difesa penale. Si trattava di un caso enorme, tutto era amplificato un milione di volte.

Così Frank Cascio ha preso un avvocato e io non volevo che Michael parlasse con lui o lui parlasse con Michael perché questo avrebbe aperto la porta a vari tipi di esame da parte del procuratore nel processo. Anche se credo che stessero parlando in ogni caso perché erano amici da molti anni.

E l'avvocato di Cascio, Joe Tacopina di New York, ha iniziato a chiamarmi e chiedermi cosa stava succedendo e quello che pensavo. Gli dicevo quello che potevo e gli chiedevo che cosa avrebbe fatto Frank. La mia impressione è stata che Frank stava ascoltando il suo avvocato. Il suo avvocato stava agendo molto attentamente, molto professionalmente, molto finemente attraverso le prove, cercando di scoprire come proteggere il suo cliente. Questo era il suo lavoro. Così il suo avvocato non ha detto subito "lui farà quello che vuole lei", faceva attenzione a riguardo e penso che Frank stava ascoltando il suo avvocato. Non so cosa abbia detto a Michael o quello che Michael abbia detto a lui. So che i membri della sua famiglia parlavano con Michael, non ero a conoscenza di quelle conversazioni. Sapete che sono tutti molto amici.

Ad un certo punto si è formata una percezione che Frank non fosse cooperativo. Io non sono così sicuro perché si sia formata. Poteva essere sempicemente che il suo avvocato era cauto e attento. Ma posso dire questo, alla fine lui era disposto a testimoniare. Il suo avvocato mi ha detto che era disposto a testimoniare, ha avuto un sacco di conversazioni con lui. Quello che penso sia successo è che aveva paura, stava ascoltando il suo avvocato, il suo avvocato era stato cauto, questo potrebbe essere stato interpretato che lui non fosse cooperativo, ma dirò questo, alla fine lui era disposto a venire e testimoniare. Questo è ciò che penso sia realmente accaduto con Frank Cascio.

Ora, sai, non posso biasimarlo per essere stato terrorizzato. Lui dice nel suo libro una cosa che devo sottolineare, che Sneddon gli ha offerto l'immunità dal procedimento giudiziario. Questo voleva dire che se lui si fosse fatto avanti e avesse collaborato con Sneddon e l'ufficio del procuratore distrettuale, non poteva essere processato. Doveva anche essere disposto a testimoniare contro Michael e lui ha rifiutato. Anche se questo sarebbe stato un modo molto sicuro per non essere accusato. Si deve dargli credito per questo. Dobbiamo dargli credito per questo, dobbiamo capire come sono stati terrorizzati che potevano essere accusati del crimine di complotto e andare in prigione. Si deve apprezzare che stava ascoltando il suo avvocato che si stava muovendo con cautela e con attenzione per capire come proteggere al meglio il suo cliente. Quindi non credo che nessuno dovrebbe biasimare Frank. Davvero.

Ora, gli altri non erano così terrorizzati quanto lui. Per esempio Chris Tucker e Maculay Culkin non erano co-cospiratori non incriminati. Non sono mai stati accusati. Così sono venuti fuori e hanno detto ai loro avvocati e agenti e manager e consulenti "testimonieremo per Michael se avrà bisogno di noi. Non c'è dubbio su questo". E l'hanno fatto. Mi sono seduto con Maculay Culkin e il suo avvocato (non penalista) e quest'ultimo era spaventato a morte, mentre Maculay era tranquillo nel dire "quando Michael ha bisogno di me io ci sono". Ho incontrato Chris Tucker e il suo avvocato a casa del suo avvocato e il suo atteggiamento era esattamente lo stesso: "Quando Michael mi vuole non mi interessa quello che sto facendo, io ci sono". Ma non erano di fronte alla possibilità di un'accusa di complotto. Quindi non sono duro con Frank, ho capito tutta la situazione, alla fine lui era disposto a testimoniare.

E come ha detto giustamente nel suo libro, e l'ho letto e mi è piaciuto il libro, ho deciso che non avevo bisogno di chiamarlo. Volevo lascaire questo caso alla giuria, in realtà ho accorciato la nostra lista dei testimoni, inizialmente il processo sarebbe dovuto durare qualche mese in più. Ma volevo lasciarlo alla giuria, ho pensato che avevamo davvero scosso il loro mondo, per così dire, e ho pensato che questo caso era pronto per un'assoluzione. Questo è quello che è successo, per fortuna.

www.twitlonger.com/show/ehs71k
avatar
szwaby82

Messaggi : 4159
Data d'iscrizione : 10.10.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum