Gli equivoci su Michael Jackson, Kathy Hilton parla di Michael... - 1 GIUGNO 2011

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Gli equivoci su Michael Jackson, Kathy Hilton parla di Michael... - 1 GIUGNO 2011

Messaggio Da Michaelforever il Sab Lug 28, 2012 12:41 am

Gli equivoci su Michael Jackson, Kathy Hilton parla di Michael... - 1 GIUGNO 2011




Kathy Hilton, mamma di Paris Hilton e amica di Michael Jackson, parla della loro amicizia, di che tipo di persona era Michael, della sua morte e del problema della tossicodipendenza:



Prestate particolare attenzione a questo blog.... perché è l'ennesimo esempio di come il pubblico viene ingannato sulle informazioni e su ciò che viene detto in un'intervista, che potrebbe effettivamente mostrare la verità. Certe cose sono chiaramente modificate... di seguito ne avrete la prova.



Questo post è importante perché Kathy Hilton condivide la sua amicizia con Michael Jackson e quello che sa su di lui. Ma è anche importante perché mostra chiaramente la distorsione e le modifiche che i media attuano ovunque sia possibile farlo, su ciò che vediamo e sentiamo, per farci pensare in un certo modo riguardo a degli eventi, o in questo caso, a un individuo, il cui nome gli ha fatto ottenere un invito a cena. Sanno che ogni storia su Michael porterà una grande visibilità e una buona notizia non vende. Quindi, se si può togliere il bene ed evidenziare qualsiasi cosa negativa (o in questo caso, rimuovere completamente la verità), allora si continuerà a sentire sempre più trash.



Di seguito è riportata la prima trascrizione dell’intervista, quindi la versione televisiva di You Tube e sotto, la versione che la CNN ha messo sul loro sito web. Penso che troverete questo molto interessante per 2 motivi. Le belle cose che Kathy Hilton condivide su Michael e l’ovvia distorsione e la modifica che ne è seguita. Prestate particolare attenzione:



MORGAN: Kathy, quando torneremo, voglio parlare con te del tuo grande amico, Michael Jackson.



(PAUSA PUBBLICITARIA)



MORGAN: (ritorno in studio con K. HILTON) Kathy, questo è affascinante. Un sacco di persone affermano di aver conosciuto Michael Jackson. In realtà sei andata al liceo con Michael. E siete stati amici intimi fino alla fine della sua vita. E non hai mai parlato di lui molto in pubblico, non che io sappia. Parlami del tuo rapporto con lui.



Kathy e Michael frequentano la Montclair Prep High School insieme, 1972-1974



K. HILTON: Ci siamo conosciuti quando io avevo 13 anni e lui 14 e abbiamo coltivato un’amicizia e un legame nel corso degli anni. Siamo sempre rimasti in contatto. E poi quando mi sono trasferita a New York, lui veniva e noi siamo sempre andati ai suoi concerti. E, sai, abbiamo iniziato con - eravamo soliti farci degli scherzi telefonici. Eravamo bambini piccoli. Ci siamo divertiti davvero tanto. E poi lui venne in visita quando è nata Paris. (la Hilton figlia di Kathy. NdT) E poi ha finito per vivere al …. -

MORGAN: Era lì quando Paris è venuta al mondo?



K. HILTON: Aveva solo pochi mesi.

MORGAN: Davvero?

K. HILTON: Alla fine è rimasto nel Waldorf per sei mesi, quando noi abbiamo vissuto lì per otto anni. E proprio prima di morire, era al Bel Air Hotel, dove noi vivevamo mentre stavamo ristrutturando la nostra casa. Quindi, lui è stato lì per circa tre o quattro mesi. Così abbiamo avuto modo di passare del tempo insieme, sai, divertendoci.

MORGAN: Parliamo dei malintesi con te, Paris. Non credi che ci siano stati degli equivoci su Michael?

K. HILTON: Beh, non c'è uomo più buono, più generoso, più affettuoso, dolce, intelligente, brillante - non posso dire quanto – e padre più meraviglioso di lui. Al Bel Air, non aveva alcun tata. E quando andavo a prendere i bambini per portarli da qualche parte, lui gli lavava i capelli e li vestiva ed era semplicemente così caloroso e meraviglioso. E io - gli voglio bene. Tutta la sua famiglia, sono davvero splendidi, una bella famiglia.

MORGAN: Dove eravate quando avete sentito che è morto?

K. HILTON: Ero appena tornata in albergo.

MORGAN: Come avete sentito la notizia?

K. HILTON: Me lo ha detto il mio assistente. E sono letteralmente caduta sul pavimento. Mia sorella è venuta a prendermi e siamo andati direttamente a casa, perché pensavo che i bambini sarebbero stati lì.

MORGAN: Sei andata in ospedale quando…

K. HILTON: sì.

MORGAN: Qual è stata la scena lì?

K. HILTON: C’erano i bambini, la signora Jackson e tutti i fratelli e sorelle, tutti erano in questa stanza. Piangevano e si abbracciavano l’un l’altro ed erano come in trance. E lui è stato un padre così con i suoi figli. Si è dedicato a loro da quando sono nati, li ha cresciuti e stava sempre con loro. E poi Latoya e Randy mi hanno portato a dirgli addio. Penso che se non l’avessi fatto, non sarei mai stata in pace con me stessa, credo. Perché anche se lui era un amico, era una persona potente.

MORGAN: Era ancora vivo quando… -

K. HILTON: No.

MORGAN: Gli hai detto qualcosa?

K. HILTON: sì.

MORGAN: Cosa?

K. HILTON: Gli ho accarezzato la testa e le braccia e le gambe e i piedi e io - gli ho detto che lo amo tanto e, sai, gli ho sussurrato alcune cose divertenti, ed è finita così.

MORGAN: è incredibilmente triste come la sua vita è finita, non è vero?

K. HILTON: Ed era così favoloso in hotel. Ogni mattina di buon ora mentre giocava con i bambini. Davvero scioccante.

MORGAN: Paris, conoscevi bene Michael?

P. HILTON: Sì, sono cresciuta con lui - con mia madre - mi ricordo - uno dei primi ricordi che ho di lui è stato quando mia madre ci ha portato sul set del video di "Thriller". Abbiamo ancora le immagini. L’ho sempre amato. Andavamo ai suoi concerti e lui portava me e mia sorella sul palco e cantavamo da lassù. L’ho sempre amato così tanto. Era un uomo così straordinario.

K. HILTON: Lui mi disse, Kathy, mi piacerebbe andare da Paris. Io ho detto, beh, lei è fuori città. Beh, mi piacerebbe vedere il suo studio di registrazione. E io ho detto, OK, va bene. E siamo saltati in macchina. Erano le 8 e mezzo di sera. Gli ho detto che non dovevamo avere alcuna sicurezza con noi. Andarci e basta. Avrebbe guidato Rick. Siamo saliti sul sedile posteriore. Sono venuti anche i bambini e siamo andati tutti da Paris. E lui amava guardare ogni cosa. Ha guardato tutte le foto sulle pareti. Lui amava l’arte. Nel suo armadio [di Paris. NdT] avresti trovato la sua collezione di Pinocchio, Tinkerbell e altre cose come queste. E lui mi ha detto, lei mi ricorda me – lei… - lei è… - cos’è che ha detto? Qualcosa come, lei a volte mi ricorda me quando ero piccolo nel modo in cui le piacciono certe cose. Amava l’oro e le cornici, e….

P. HILTON: Tu lo hai portato in studio.

K. HILTON: l’ho portato in studio e ha avuto modo di vedere tutto.

MORGAN: Ed era un talento straordinario, non è vero? Poi ha preso il nome, naturalmente, per uno dei suoi figli. Come ti ha fatto sentire?

P. HILTON: Ne sono stata onorata.

MORGAN: E' stata una conseguenza diretta?

K. HILTON: Sai, Latoya vi potrà raccontare la storia. Quando eravamo più giovani, tutti noi avevamo deciso che chi avrebbe avuto la prima figlia femmina l’avrebbe chiamata Paris. E sono stata io. Così ho avuto modo di farlo per prima. E poi, lui quando ha avuto sua figlia… –

MORGAN: Hai visto spesso i bambini da quando è morto?

K. HILTON: li ho visti un paio di settimane fa. Siamo usciti e abbiamo cenato insieme. E non posso credere quanto siano cresciuti. Siamo andati lì circa tre settimane fa.

MORGAN: E sono ben curati?

K. HILTON: Oh, stai scherzando? Sono in una nuova casa e la signora Jackson è lì. Hanno un incredibile, bella casa, e una grande sicurezza. E abbiamo fatto una grande cena di famiglia. Loro sono scesi dopo aver fatto il loro dovere e hanno mostrato alla nonna i compiti e dopo aver fatto il bagno hanno detto: “buonanotte nonna, ti amo”. E’ stato bello vederli così.

MORGAN: C'è nell’aria una specie di sensazione, perché credo che le imminenti azioni giudiziarie che coinvolgono il medico e la sua morte e tutto il resto, lo fanno sembrare una specie di personaggio patetico, alla fine, dedito a tutti questi farmaci e così via. È una rappresentazione inesatta, non pensi?

K. HILTON: Beh, posso dirti che quando era presso l'Hotel Bel Air, non c'era nessuno - non c'era niente di tutto questo. Perché ho avuto - era proprio al piano di sotto dove mi trovavo io. E abbiamo parlato tutto il tempo. In realtà, se volevamo andare da qualche parte durante il giorno, diceva “all’una davanti la fontana”. E se io avevo cinque minuti di ritardo, lui invece aveva la situazione sotto controllo. Ed era già lì con i suoi figli. Io credo nel mio cuore che, quando la cosa dei concerti stava per concretizzarsi, era diventato difficile per lui dormire, probabilmente. Non era un tossicodipendente. Aveva problemi ad addormentarsi. Voglio dire, non era qualcuno che abusava di qualcosa solo a scopo ricreativo e credo che il livello è andato su, su e su.

MORGAN: Quale pensi sarà l’eredità di Michael Jackson?

K. HILTON: Beh, penso che ora che se n'è andato, tutti si renderanno conto che era una brava persona, tutte le cose meravigliose che ha fatto per beneficenza. Ed è interessante che non sentiamo - beh, non voglio entrare in nulla di tutto ciò, ma ha lasciato tre bellissimi bambini.

MORGAN: Che saranno la sua eredità, credo.

K. HILTON: Assolutamente.



Source: http://transcripts.cnn.com/TRANSCRIPTS/1105/31/pmt.01.html



Ecco il video dell'intervista a partire dal punto in cui Kathy Hilton inizia a parlare della sua amicizia con Michael e continua a tutto spiano fino a quando non le viene chiesto di Michael.

http://www.youtube.com/watch?v=XWJWztRjc7g&feature=player_embedded

Ora, confrontiamo e contrapponiamo questo con la versione "EDITATA" della CNN:

http://cnn.com/video/?/video/bestoftv/2011/05/31/exp.piers.hilton.michael.jackson.cnn



Lo avete notato? Avete notato come il video dell'intervista sul sito della CNN è stata tagliato PRIMA che Kathy iniziasse a parlare di come meravigliosamente curati fossero i bambini di Michael, che tipo di persona e padre Michael era, e soprattutto, PRIMA che lei affermasse che NON ERA UN TOSSICODIPENDENTE! ???

Molto grazie a Seven Bowie per aver portato questo alla nostra attenzione.

Leggete la trascrizione corrispondente in basso che è stata tagliata dalla versione dell’intervista sul sito della CNN. [La parte mancante] E’ chiaramente presente nella versione di YouTube ed è stata vista da chi ha guardato l' intervista dal vivo in quanto non avrebbe potuto essere modificata dal momento che era un’intervista in diretta.

Di seguito è riportato quanto è stato detto dopo che la versione dell'intervista sul sito è stata tagliata. Sarà evidente quello che nella versione web della CNN non ci hanno lasciato sentire:



MORGAN: è incredibilmente triste come la sua vita è finita, non è vero?

K. HILTON: Ed era così favoloso in hotel. Ogni mattina di buon ora mentre giocava con i bambini. Davvero scioccante.

Lo avete visto? Vedete come finisce l'intervista per far sembrare Michael questa tragica, triste, figura patetica e come la sua morte è stata scioccante? Quel finale è messo lì apposta per farvi pensare in un certo modo e anche ciò che hanno LASCIATO FUORI [dall’intervista]! Vedi sotto:



MORGAN: Paris, conoscevi bene Michael?



P. HILTON: Sì, sono cresciuta con lui - con mia madre - mi ricordo - uno dei primi ricordi che ho di lui è stato quando mia madre ci ha portato sul set del video di "Thriller". Abbiamo ancora le immagini. L’ho sempre amato. Andavamo ai suoi concerti e lui portava me e mia sorella sul palco e cantavamo da lassù. L’ho sempre amato così tanto. Era un uomo così straordinario.

K. HILTON: Lui mi disse, Kathy, mi piacerebbe andare da Paris. Io ho detto, beh, lei è fuori città. Beh, mi piacerebbe vedere il suo studio di registrazione. E io ho detto, OK, va bene. E siamo saltati in macchina. Erano le 8 e mezzo di sera. Gli ho detto che non dovevamo avere alcuna sicurezza con noi. Andarci e basta. Avrebbe guidato Rick. Siamo saliti sul sedile posteriore. Sono venuti anche i bambini e siamo andati tutti da Paris. E lui amava guardare ogni cosa. Ha guardato tutte le foto sulle pareti. Lui amava l’arte. Nel suo armadio [di Paris NdT] avresti trovato la sua collezione di Pinocchio, Tinkerbell e altre cose come queste. E lui mi ha detto, lei mi ricorda me – lei… - lei è… - cos’è che ha detto? Qualcosa come, lei a volte mi ricorda me quando ero piccolo nel modo in cui le piacciono certe cose. Amava l’oro e le cornici, e….



P. HILTON: Tu lo hai portato in studio.



K. HILTON: l’ho portato in studio e ha avuto modo di vedere tutto.



MORGAN: Ed era un talento straordinario, non è vero? Poi ha preso il nome, naturalmente, per uno dei suoi figli. Come ti ha fatto sentire?



P. HILTON: Ne sono stata onorata.



MORGAN: E' stata una conseguenza diretta?



K. HILTON: Sai, Latoya vi potrà raccontare la storia. Quando eravamo più giovani, tutti noi avevamo deciso che chi avrebbe avuto la prima figlia femmina l’avrebbe chiamata Paris. E sono stata io. Così ho avuto modo di farlo per prima. E poi, lui quando ha avuto sua figlia… –



MORGAN: Hai visto spesso i bambini da quando è morto?



K. HILTON: li ho visti un paio di settimane fa. Siamo usciti e abbiamo cenato insieme. E non posso credere quanto siano cresciuti. Siamo andati lì circa tre settimane fa.



MORGAN: E sono ben curati?



K. HILTON: Oh, stai scherzando? Sono in una nuova casa e la signora Jackson è lì. Hanno un incredibile, bella casa, e una grande sicurezza. E abbiamo fatto una grande cena di famiglia. Loro sono scesi dopo aver fatto il loro dovere e hanno mostrato alla nonna i compiti e dopo aver fatto il bagno hanno detto: “buonanotte nonna, ti amo”. E’ stato bello vederli così.



MORGAN: C'è nell’aria una specie di sensazione, perché credo che le imminenti azioni giudiziarie che coinvolgono il medico e la sua morte e tutto il resto, lo fanno sembrare una specie di personaggio patetico, alla fine, dedito a tutti questi farmaci e così via. È una rappresentazione inesatta, non pensi?



K. HILTON: Beh, posso dirti che quando era presso l'Hotel Bel Air, non c'era nessuno - non c'era niente di tutto questo. Perché ho avuto - era proprio sotto dove mi trovavo io. E abbiamo parlato tutto il tempo. In realtà, se volevamo andare da qualche parte durante il giorno, diceva “all’una davanti la fontana”. E se io avevo cinque minuti di ritardo, lui invece aveva la situazione sotto controllo. Ed era già lì con i suoi figli. Io credo nel mio cuore che, quando la cosa dei concerti stava per concretizzarsi, era diventato difficile per lui dormire, probabilmente. NON ERA UN TOSSICODIPENDENTE. Aveva problemi ad addormentarsi. Voglio dire, non era qualcuno che abusava di qualcosa solo a scopo ricreativo e credo che il livello è andato su, su e su.



MORGAN: Quale pensi sarà l’eredità di Michael Jackson?



K. HILTON: Beh, penso che ora che se n'è andato, tutti si renderanno conto che era una brava persona, tutte le cose meravigliose che ha fatto per beneficenza. Ed è interessante che non sentiamo - beh, non voglio entrare in nulla di tutto ciò, ma ha lasciato tre bellissimi bambini.



MORGAN: Che saranno la sua eredità, credo.



K. HILTON: Assolutamente.





Per saperne di più su come i media funzionano e come influenzano il modo di pensare, leggere attentamente il blog seguente: "Perché ci sono così tante storie negative su Michael Jackson? " http://www.truth4mj.it/mj/index.php?option=com_content&view=article&id=144:qperche-ci-sono-cosi-tante-storie-negative-su-michael-jackson-q&catid=35:articoli-verita-sulla-vita&Itemid=60.



Postato il 1° giugno 2011 da Deborah su http://reflectionsonthedance.blogspot.it/2011/06/misconceptions-about-michael-part-1.html


La famiglia Hilton e MJ. Foto apparsa al " Lopez Tonight show"


NYPost, 21 dicembre 1998


Con Kathy, all'aeroporto di Heathrow, marzo 2001.

http://www.truth4mj.it/mj/index.php?option=com_content&view=article&id=286:gli-equivoci-su-michael-jackson-kathy-hilton-parla-di-michael-1-giugno-2011&catid=35:articoli-verita-sulla-vita&Itemid=60


avatar
Michaelforever
Admin
Admin

Messaggi : 8485
Data d'iscrizione : 10.10.11
Età : 43
Località : Palermo

Vedi il profilo dell'utente http://michaeljacksonwhois.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum