Assicuratori vogliono vedere le cartelle cliniche di Michael

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Assicuratori vogliono vedere le cartelle cliniche di Michael

Messaggio Da szwaby82 il Sab Dic 03, 2011 6:50 am

Insurers to See Michael’s Medical Records




(AFP) – Insurers for Michael Jackson’s ill-fated London comeback shows can study some of the star’s medical records, a US judge has said in a ruling that could affect a payout over his death.

Lawyers for the King of Pop’s estate will get access to the records from medical providers and can show them to lawyers from Lloyd’s of London, Los Angeles Superior Court Judge Malcolm Mackey ruled.

Lloyd’s, which is resisting paying out on a policy worth about £11.2 million because it did not know that Jackson was taking drugs before his death more than two years ago at the age of 50, filed suit against tour promoter AEG in June.

Attorneys for the Jackson estate and for Lloyd’s will both decide which of the medical records are relevant to the case and ask Mackey to mediate in any dispute.

The legal move came days after Jackson’s doctor Conrad Murray was jailed for the maximum four years following his conviction for involuntary manslaughter. He is expected to serve less than half the sentence due to California laws linked to overcrowding and budget concerns.

A six-week trial heard evidence from a number of witnesses about the various drugs Jackson was allegedly taking at least in the months before he died, including the anesthetic propofol.

Jackson died on June 25, 2009 from an overdose of propofol and other sedatives, administered by Murray in an attempt to help the star sleep while in Los Angeles, where he was rehearsing for his “This is It” comeback tour.

The trial also heard claims that Jackson, battling to resurrect his career from child molestation charges that left him with huge financial debts, stood to make close to £64 million from the 50 planned concerts.

Lloyd’s wants Mackey to rule that it does not have to pay out on the AEG insurance policy because it was not told about Jackson’s drug problems when the contract was signed.

Lloyd’s attorney Paul Schreiffer said Jackson waived any privacy rights he might have asserted before he died by signing an agreement for his medical records to be produced for the company.

Schrieffer said the ruling should help move the case forward, adding that Lloyd’s has sought the medical information for more than two years.

Lloyd’s issued subpoenas for the records on July 12, including two directed at Beverly Hills dermatologist Dr Arnold Klein and Dr Allan Metzger, who accompanied Jackson on a tour in the 1990s.

The Lloyd’s lawsuit against AEG claims the promoter did not tell the insurer about the singer’s medical history, “including, but not limited to, his apparent prescription drug use and/or drug addiction.”

The company also alleges AEG did not disclose the star’s use of propofol.

“There is evidence to suggest that Michael Jackson had a history of narcotic use, including but not limited to Demerol and propofol, the use of which may have resulted in his death, the Lloyd’s court papers say.

“Dr Klein was a (dermatologist) for Michael Jackson who administered Demerol to Jackson reportedly on a regular basis.”

The trial heard how Jackson would emerge from Dr Klein’s office drowsy and slurring his speech. In a chilling audio recording played in court the star was barely comprehensible, talking about his hopes for the London shows.



Assicuratori vogliono vedere le cartelle cliniche di Michael



(AFP) - Assicuratori per Michael Jackson della sfortunata rimonta di Londra si mostrano in grado di studiare alcune delle cartelle cliniche della star, ha sostenuto un giudice degli Stati Uniti in una sentenza che potrebbe influenzare una rivincita sulla sua morte.

Avvocati per il Re del Pop dovranno accedere ai documenti dei servizi sanitari per mostrare agli avvocati della Lloyd di Londra, Los Angeles,ha deciso un giudice della Corte Superiore, Malcolm Mackey

Lloyd, che sta resistendo dal pagare circa £ 11.200.000, perché non sapeva che Jackson stava prendendo farmaci prima della sua morte più di due anni fa all'età di 50 anni, nella causa intentata contro il promoter AEG tour a giugno.

Avvocati per la tenuta di Jackson e Lloyd dovranno entrambi decidere quali delle cartelle cliniche sono rilevanti per il caso e hanno chiesto a Mackey di mediare in qualsiasi controversia.

La mossa legale è venuta giorni dopo che il medico di Jackson, Conrad Murray, è stato imprigionato per il massimo di quattro anni successivi alla sua condanna per omicidio colposo. Ci si aspetta che serva meno della metà della pena a causa delle leggi della California legate alle preoccupazioni di sovraffollamento e di bilancio.

A sei settimane di prove in cui si è ascoltato la testimonianza di un certo numero di testimoni circa i farmaci vari che Jackson avrebbe preso almeno nei mesi prima di morire, tra cui il propofol anestetico.

Jackson è morto il 25 giugno 2009 da un'overdose di sedativi propofol e altri, amministrato da Murray nel tentativo di aiutare il sonno mentre era a Los Angeles, dove stava provando per il suo "This Is It" tour rimonta.

Lo studio ha anche sentito che sostiene che Jackson, lottando per resuscitare la sua carriera da accuse molestie su minori che gli ha lasciato enormi debiti finanziari, stava per fare vicino a £ 64.000.000 dai 50 concerti in programma.

Lloyd vuole che Mackey stabilisca che non devono pagare sulla polizza assicurativa AEG, perché non è stato detto circa i problemi di droga di Jackson quando il contratto è stato firmato.

Lloyd avvocato Paolo Schreiffer ha detto che Jackson ha rinunciato a qualsiasi diritto alla privacy che avrebbe potuto valere prima di morire firmando un accordo per la sua documentazione medica da produrre per l'azienda.

Schrieffer ha detto che il governo dovrebbe contribuire a spostare in avanti il ​​caso, aggiungendo che Lloyd ha cercato l'informazione medica per più di due anni.

Lloyd ha un mandato di comparizione emessi per i record il 12 luglio, tra cui due diretti a Beverly Hills ddottor Arnold Klein e il dottor Allan Metzger, che hanno accompagnato Jackson in un tour nel 1990.

Querela contro il Lloyd AEG sostiene che il promotore non ha detto nulla all'assicuratore sulla storia clinica del cantante, "compreso, ma non limitato a, il suo apparente uso di droghe di prescrizione e / o tossicodipendenza."

L'azienda sostiene inoltre che la AEG non ha rivelato l'uso di propofol.

"Ci sono prove che suggeriscono che Michael Jackson aveva una storia di uso di stupefacenti, compreso ma non limitato a Demerol e propofol, il cui utilizzo può avere provocato la sua morte, i documenti del tribunale della Lloyd dicono.

"Il dottor Klein era un (dermatologo) per Michael Jackson che ha amministrato Demerol a Jackson su base regolare."

Il processo sentirà come Jackson sarebbe emerso dalla sonnolenza nello studio del dottor Klein e slurring il suo discorso. In una registrazione audio raggelante giocata in tribunale la star era appena comprensibile, parlando delle sue speranze per gli spettacoli di Londra.


Fonte: http://www.mjjunderground.com/2011/12/02/insurers-to-see-michaels-medical-records/
avatar
szwaby82

Messaggi : 4159
Data d'iscrizione : 10.10.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum